venerdì, settembre 28, 2007

Sicilia 2.0

Se la tecnologia è considerata una delle opportunità per il mezzogiorno ci sono realtà che ne sono più consapevoli e cercano di coglierla in quanto tale. In Sicilia l’Assemblea Regionale Siciliana con provincie e comuni sta portando avanti alcuni progetti digitali, tra cui Wi-Fi e Second Life

PALERMO in WI-FI
Non c’e’ ancora nessuna città al mondo completamente wi-fi, quindi con connessione senza fili a banda larga gratuita, Palermo pero’ vorrebbe questo primato e ha incominciato a coprire in wi-fi due piazze, la prima Piazza Maggione, nel centro storico e più turistica, la seconda Piazza del Parlamento, più nel centro della vita lavorativa palermitana.
Altre aree sono in progetto di copertura nel brevissimo tempo.

ARS & SECOND LIFE
Second Life, argomento caro a BIGOUTBLOG, è un metamondo, un mondo virtuale, dove circa 1,000,000 di italiani si incontrano, discutono e fanno business attraverso i propri avatar, e nel mondo sono già iscritti più di 10 milioni di persone.
Aziende come Adidas aprono il proprio shop virtuale per vendere scarpe, oppure Accenture lo utilizza per fare colloqui di lavoro; invece realtà più istituzionali come Regione Toscana, lo stato della Svezia, Barak Obama, Hillary Clinton, Segolene Royal, e molte altre realtà politiche accedono su Second Life generalmente per due motivi principali: sperimentare nuove forme di relazione con il cittadino/utente attraverso i media digitali, e conseguentemente realizzare delle attività di democrazia partecipativa, democrazia che parte dal “basso” dagli utenti/cittadini.

Così l’Assemblea Regionale Siciliana ha annunciato di entrare su Second Life con un’isola a forma di Sicilia così da sperimentare nuove forme di relazione e di democrazia partecipativa ed inoltre “beneficiare del metamondo come strumento per far conoscere la Sicilia, i suoi musei, le sue inestimabili opere d’arte garantendo ai residents un esperienza unica, che ha lo scopo dichiarato di attrarli in first life nella nostra splendida terra” ha dichiarato il Presidente dell’ARS, Gianfranco Miccichè nell’intervista rilasciata a MySecondLife.it, e cui cui spesso parla nel suo blog.

Questo progetto legato a rendere virtuale ed accessibile a tutti la sede dell’Assemblea Regionale Siciliana mi vede coinvolto in prima persona coordinando il progetto insieme ad Accademia di Comunicazione; in quanto siciliano ho a cuore e credo con fortemente che questo progetto, finanziato con i fondi dell’ARS destinati agli investimenti nell’area tecnologica, possa dare un concreto beneficio, su differenti fronti, alla Sicilia ed ai siciliani.

Quest’attenzione verso le nuove tecnologie ha già riscosso interesse da parte di aziende e multinazionali, rendendo più fertile la nascita nel capoluogo siciliano di figure professionali legate al mondo delle tecnologie digitali con nuovi mestieri che stanno nascendo, grazie anche a relazioni e potenziali collaborazioni con università siciliane e non.

10 commenti:

luca ha detto...

Condivido tutto.
la tecnologia è sviluppo, dare accesso ad internet significa dare accesso ad una vera informazione quindi conoscenza.
complimenti.

pj ha detto...

Ottimo post, che mi trova d'accordo su tutta la linea...le infrastrutture wireless sono estremamente importanti oggi, una città come Palermo deve osare un passo nel futuro, continuando nel cammino intrapreso.
Se vogliamo che SL, il Web 2.0...entrino nella vita di tutti i cittadini non possiamo non propendere verso infrastrutture che concedano l'accesso alla rete ubiquitario, che spingano sempre più Internet verso il concetto di commoditiy...

luca ha detto...

Giusto pj !

Anonimo ha detto...

bello il progetto di infrastrutture wirless.

una stronzata o almeno inutile dispendio di denaro pubblico l'entrare su second life.
Provate a fare un sondaggio di chi tra i vostri conoscenti, amici va giornalmente o anche sporadicamente su second life?
E CHIEDETEVI SE E' UTILE INVESTIRE DEL DENARO PUBBLICO PER FARE PUBBLICITA' A MICCICHE'

BIGOUT ha detto...

@ Luca:
speriamo in buone nuove come questa
@ pj:
sono convinto che sia la strada per osare nel verso giusto
@ anonimo:
scrivere un post del genere e neanche firmarsi, non è degno di risposta.

luca ha detto...

anonimo...
la Sicilia !
la pubblicità è per la nostra terra !
Cris... speriamo !

gabriele ha detto...

E bravo Cris!! Ovviamente sono molto contento per te, ma una community dove sono "iscritte", non attive, 10.000.000 mln di persone in tutto il mondo (1 mln in Italia?) non mi sembra esattamente uno strumento di democrazia diretta e neanche uno strumento di grande promozione dei beni siciliani. Ma come si dice...ogni fegatino di mosca é sostanza...io credo che si dovrebbe partire dal fornire i servizi basici tanto ai cittadini quanto ai turisti. Solo in un secondo (o terzo, o quarto) momento investire in canali come SL. Promuoviamo la Cappella Palatina ed i turisti non sanno come arrivarci....

BIGOUT ha detto...

@ Gabriele:
- concordo con i servizi basici da offrire ai cittadini, ti ircordo che il budget allocato sarebbe quello dedicato alla tecnologia
- 1,000,000 sono quelli che hanno utilizzato l'applicazione a giugno, non quelli iscritti (secondlife è più popolare in europa che in america)

Gabriele ha detto...

Nel post dicevi "iscritti" e non "usuari nel mese di giugno"....comunque sia sai bene che Europa non è sinonimo di Italia, men che meno di Sicilia!!! Per quanto riguardo il budget dedicato alla tecnologia, conoscendoti, è sicuramente ben investito, ci mancherebbe altro. Solo sono convinto che ci sarebbero mille altre cose più necessarie che avere un'isola su second life.

BIGOUT ha detto...

...Gabri, so' che mi scrivi in buona fede, mi permetto di risponderti dicendoti che c'è sempre qualcos'altro di meglio da fare...ma almeno incominciamo con qualcosa di veramente differente, con l'obiettivo di fare qualcosa di oggettivamente innvativo al livello mondiale.